Altre notizie

Tbilisi, Georgia. Obiettivo centrato dalla nazionale italiana femminile che grazie al 3-2 (25-23, 25-21, 19-25, 10-25, 15-11) contro la Croazia, si è aggiudicata il passaggio diretto ai quarti di finale del Campionato Europeo 2017. Le azzurre eviteranno così gli insidiosi spareggi e torneranno in campo giovedì 28 settembre a Baku nelle gara che varrà l’accesso alle semifinali. Sulla loro strada Chirichella e compagne troveranno la vincente dello spareggio, in programma martedì 26 settembre, tra l’Olanda (2a Pool D) e la Croazia (3a Pool B). Oltre a risparmiarsi una gara, le ragazze di Mazzanti, che si sposteranno a Baku domani mattina, avranno a disposizione tre giorni per ricaricare le energie e recuperare a pieno sia Monica De Gennaro, ferma per un fastidio alla schiena, che L ucia Bosetti, reduce dal problema alla caviglia sinistra.

L’Italia non centrava la qualificazione diretta ai quarti di finale dell’Europeo dal 2011, mentre nelle ultime due edizioni (2013 e 2015) era sempre dovuta passare dagli spareggi. Quella contro la Croazia è stata una partita dai due volti per l’Italia, bene nei primi due set, mentre dal terzo in poi c’è stato un vistoso calo che ha permesso alle avversarie di rientrare. Nel tie-break la nazionale tricolore è riuscita a ritrovarsi e con carattere si è portata a casa la vittoria.
Miglior marcatrice azzurra e del match è stata Paola Egonu con 30 punti, davanti a Valentina Tirozzi 11 p. e Cristina Chirichella 10 p.

Come formazione iniziale Davide Mazzanti ha schierato Orro in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Caterina Bosetti e Tirozzi, centrali Folie e Chirichella, libero Parrocchiale. Monica De Gennaro non è stata impiegata a causa del problema alla schiena accusato ieri contro la Bielorussia. Durante la gara ha fatto l’esordio assoluto nella rassegna continentale Anna Danesi.   

Nel primo set entrambe le squadre hanno faticato ad ingranare, restando appaiate sino al 12-12. A rompere l’equilibrio è stata la Croazia che ha messo in difficoltà l’Italia e si è portata avanti (16-12). La reazione azzurra non ha tardato ad arrivare, Orro e compagne hanno infatti alzato il livello sia a muro che in difesa, mandando in crisi l’attacco avversario. Gli attacchi di Egonu e Tirozzi hanno permesso alle ragazze di Mazzanti di volare sul (24-21), correndo qualche rischio di troppo nel finale (25-23).

Caricate dalla vittoria della frazione, le azzurre hanno subito preso il comando del secondo set sfruttando molto bene il servizio di Alessia Orro (16-11). La Croazia ha accusato il colpo, ma con il passare del gioco è riuscita a reagire e si è rifatta sotto (17-16). Avvertito il pericolo l’Italia ha di nuovo forzato il ritmo e con un’imprendibile Paola Egonu (100% in attacco) ha chiuso sul (25-21).

Molto diverso l’andamento del terzo parziale, la Croazia si è subito portata al comando, guadagnando un buon margine sulla formazione tricolore. L’Italia ha faticato parecchio a restare a contatto ed ha subito a lungo l’iniziativa delle avversarie (18-14). Mazzanti ha tentato di inserire Sara Loda, ma le croate hanno gestito bene il vantaggio (19-25).

Il copione non è cambiato nel quarto set, l’Italia pronti via è scivolata indietro, mentre la Croazia è andata a segno a ripetizione. Lo svantaggio iniziale ha pesato sulle spalle delle azzurre, incapaci di reagire e costrette a cedere nettamente (10-25).  

Nel tie-break Orro e compagne sono tornate in partita e grazie ad un buon avvio hanno staccato le avversarie, involandosi verso la vittoria (15-11).

DAVIDE MAZZANTI: “Siamo molto felici per la qualificazione diretta ai quarti di finale, è stato sempre il nostro obiettivo e quindi va bene così. Meno bene, invece, è andata la partita perché non siamo riusciti a esprimere il nostro gioco e la Croazia ci ha messo parecchio in difficoltà. Nei primi due set meglio, poi forse complice la qualificazione ottenuta c’è stata parecchia confusione. Nel tie-break, invece, siamo riusciti a ritrovaci. Ora avremo a disposizione tre giorni molto importanti per recuperare e farci trovare pronti per il quarto di finale sia dal punto di vista tecnico che mentale. In queste prime tre partite non abbiamo fatto vedere il livello di pallavolo che siam o capaci di esprimere e quindi bisognerà lavorare duro perché questa squadra può dare molto di più. Centrato l’obiettivo minimo, adesso abbiamo l’occasione di fare qualcosa di grande, ma tanto dipenderà da noi.”

ALESSIA ORRO: “Quella di oggi è stata una partita molto sofferta e sicuramente possiamo far meglio sotto tanti aspetti, però siamo contente per aver ottenuto la qualificazione ai quarti. D’ora in avanti dovremo impegnarci al massimo, perché valiamo molto di più di quanto mostrato nel girone. Sfrutteremo nel migliore dei modi questi giorni di riposo perché la prossima partita sarà veramente tosta e noi comunque non ci vogliamo accontentare. Metteremo in campo tutta la nostra grinta per stupire, il sogno è tornare a casa con una medaglia.”

CRISTINA CHIRICHELLA: “Siamo state brave a centrare subito la qualificazione ai quarti, anche sa dal punto di vista del gioco non ci siamo espresse ad altissimo livello. In alcuni frangenti siamo andate in confusione, però nel tie-break abbiamo reagito, rimanendo imbattute nel girone. Dalla prossima partita inizierà tutto un altro Europeo, con le partite da eliminazione diretta non potremo più permetterci di sbagliare. Dovremo dare il massimo e credo che se ritroveremo il nostro gioco potremo dare del filo da torcere a tutte le avversarie.”

Fonte: Federvolley